30 artisti, 20 nazioni presenti e 3 italiani a rappresentare l’ingegno e la ricerca nell’arte della ceramica. Quella italiana è una forte presenza e motivo d’orgoglio se si pensa che questa grande e prestigiosa biennale si realizza a Taiwan, patria della ceramica e dell’innovazione tecnologica. Curata da Wendy Gers, che ha individuato e invitato i nostri connazionali, la “Taipei Biennal Ceramic 2014” (maggio – ottobre 2014) si sviluppa intorno agli ultimissimi ritrovati tecnologici, digitali, alla cyber ceramica e alla multimedialità applicata all’Arte. E quando oggi si parla di tecnologia applicata alla ceramica, si parla di una materia che è rivolta non solo alle scoperte scientifiche, alle applicazioni in campo medico, aeronautico ecc, ma anche ad un futuro sostenibile, allo sviluppo delle identità, alle innovazioni digitali e al rispetto dell’ambiente e della società. Con queste premesse la Ceramica è già nel futuro, reale o virtuale che sia!!!

francesco ardini

Francesco Ardini – Circe – particolare

 

Compito dei 3 italiani sarà mostrare quella parte della nostra cultura artistica che crede nella ricerca e nell’innovazione e che non teme confronti con il resto del mondo. Francesco Ardini, Nicola Boccini e Pierluigi Pompei con le loro opere sono tutti nella sezione Cyber Ceramic & Digital Materialities; e già si capisce quali confini questi artisti hanno da tempo varcato rispetto alla rappresentazione più tradizionale di Arte e di Ceramica. Non è una novità che artisti con una certa predisposizione alle avanguardie hanno rincorso e utilizzato conoscenze tecnologiche e materiali innovativi come strumenti adatti per esprimere al meglio il proprio mestiere. La tecnologia negli anni ha influenzato la creazione artistica stabilendo nuove possibilità di espressione e cambiandone anche le modalità di fruizione e funzione. Le risposte a queste innovazioni sono tante, varie e sono finalmente, oggi, approdate anche in un ambito che si è sempre fatto vanto di un certo radicamento alla tradizione dove anche il supporto tecnoscientifico, se c’era, non entrava mai a far parte del linguaggio dell’opera.

NICOLABOCCINI

Nicola Boccini – EV 14.0 – particolare

Si chiama EV.14.0 l’opera dell’artista Nicola Boccini, tra i più conosciuti sperimentatori e ricercatori in fatto di materia ceramica. E’ un opera formata da 34 pannelli di porcellana dallo spessore di circa 1 mm, dove sono stati inseriti in prima fase fili di rame smaltato per creare l’anima della porcellana e 3 cotture per renderla resistente, translucida e viva. Dietro ogni pannello sono stati montati dei led rgb con un sistema software e hardware realizzato dall’azienda “ELES Semiconductor Equipment spa” di Todi. EV.14.0 si illumina interpretando la voce di bambini e adulti, interagendo con lo spettatore che in parte gli imprime un effetto personale. Realizzata presso la Scuola d’Arte Ceramica “Romano Ranieri” e la prestigiosa fabbrica U. Grazia di Deruta, EV 14.00 è un’opera che sa ascoltare, ma che sa anche rispondere!

Porcelain Panel, Evolution14.0 by Nicola Boccini

Porcelain multimedial panel. Ceramic panel on the biennale exhibition at New Taipei City Yingge Ceramics Museum (TBC 2014).

Pierluigi Pompei presenta Whispers una scultura sonora in ceramica realizzata con le tecnologie musicali dei compositori Strijbos e Van Rijswijk. L’installazione è come un paesaggio sonoro tridimensionale. In una stanza oscurata, cinque trombe in ceramica di grandi dimensioni lasciano trapelare un mondo che nutre il senso dell’udito: le trombe versano all’esterno parole, filamenti di frasi, risate, alternate a rumori, strani borbottii e crepitii. Ogni tromba ha il suo repertorio di espressioni e ha una propria caratteristica sonora dovuta alla differente lunghezza dei coni. Circe è il titolo di un’intera mostra che Francesco Ardini presenta a Taipei: in un ambiente domestico, i resti di un banchetto sono impilati alla rinfusa testimoni di avvenute mutazioni, virali e virtuali o ancora da realizzarsi. Tablet e smartphone sono gli strumenti di indagine dello spettatore. Strumenti che se avvicinati all’installazione, attraverso un software messo a punto dall’artista, sono in grado di generare trasmutazioni ottiche: un inganno tecnologico che propaga immagini come virus che dal reale approdano al virtuale.

PIERLUIGI POMPEI

Pierluigi Pompei – Whispers

Oggi questa Biennale dal titolo Ceramics Now: Art, Design & Digital Materiality, celebra la Ceramica come materia che integra tecnologia e sostanza digitale: come moderni divulgatori scientifici, gli artisti contemporanei invitati a questa esposizione sono scultori che hanno intercettato nel DNA dell’argilla un codice innovativo che è parte integrante della materia e che ne qualifica un sostanzioso passaggio epocale.

A cura di: 

 

 

News

  • Tucep corsi gratuiti
    Corsi Gratuiti per OCCUPATI

    Sono aperte le iscrizioni per i corsi gratuiti per migliorare le competenze digitali per il lavoro finanziati nell’ambito del progetto “UMBRIA SMARTLAND”.   Corsi Gratuiti per OCCUPATI, digitalizzazione della Ceramica I corsi sono riservati esclusivamente agli OCCUPATI sia in forma autonoma che alle dipendenze
  • Xie-Wei Artista Cinese
    Xie Wei

    L’artista cinese Xie Wei, sulla latitudine dello spostamento 中国艺术家解危,置换的维度   Xie Wei, di Shenyang, provincia di Liaoning, si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Luxun nel 1985. Nel 2003, ha studiato nella classe di specializzazione in pittura murale su
  • lane alla biennale di venezia architettura
    17 Biennale di Venezia Architettura

    17° Biennale di Venezia Architettura 2021     LA VITA SOSPESA E L’ISOLAMENTO DELLA PANDEMIA, HANNO AMPLIFICATO LA LOTTA PERSONALE DELL’INDIVIDUO, PIU’ SOLO SULLA PROPRIA STRADA. IL FUTURO RISVEGLIO E’ DINAMICITA’, LA FIGURA FEMMINILE E’ LA VITA, IL COLORE E
  • nicola boccini light art
    Biennale di Light Art Mantova 2020

    BIENNALE DI LIGHT ART MANTOVA 2020       BIENNALE LIGHT ART MANTOVA 2020 Elogio della luce tra destrutturazione e ricostruzione degli spazi Curatore generale Vittorio Erlindo   26 settembre – 31 dicembre 2020 Casa di Andrea Mantegna Esterni del

  • Mud is Mood

    MILANO DESIGN WEEK 2019 – DIGITAL DETOX DESIGN 7/14 APRILE 2019, STUDIO CORREA GRANADOS ARCHITECTS, VIA SOLFERINO 11 In occasione della Milano Design Week 2019 Mud is Mood partecipa a “Living Experience” un evento per depurarsi dal sovraccarico informativo, organizzato