L’arte antichissima della ceramica, le cui origini risalgono ai primi insediamenti stabili di agricoltori nel passaggio dall’età mesolitica all’età neolitica, comprende varie tecniche di produzione di oggetti in argilla sottoposti a una o più cotture. Il termine, che contraddistingue anche gli stessi prodotti ceramici, è derivato dal greco keramos (“argilla”, “vaso”), ma è entrato nell’uso corrente solo nel secolo diciannovesimo.

Le diverse argille sono classificate secondo l’impiego e non secondo la tecnica utilizzata. Di seguito riportiamo una semplice scheda tecnologica delle argille porose e compatte.

  • L’ Argilla “ROSSA” : argilla cotta a 980° – 1050°C, color arancio e rossa a seconda dell’ossido di ferro contenuto all’interno dell’impasto, dopo la prima cottura il suo corpo è poroso (permeabile).
  • la REFRATTARIO: argilla che la maggior parte delle volte viene composta miscelando varie materie prime (caolino, feldspato, allumina, quarzo etc) con aggiunta di chamotte di diversa granulometria. 1000° C-1350° C. Questa argilla dopo cottura ha un corpo poroso.
  • L’Argilla bianca “TERRAGLIA”: si divide in due gruppi, tenera e dura, è caratterizzata da un impasto di color bianco, per la mancanza di ossido di ferro e derivati, e presenza di caolino oltre le altre materie prime. Per la tenera la cottura è simile all’argilla “rossa” per la dura 1120°C. Questa argilla dopo cottura ha un corpo poroso
  • Il GRES è un’argilla bianca o colorata e ricavato da argille di roccia sedimentaria ricca di silicio, si divide in tre gruppi, klinker, ball clay, fire clay. Molto utilizzato per rivestimenti (piastrelle) e sanitari, oggi utilizzato molto nella ceramica artistica. La cottura si aggira intorno 1250° – 1400°C. Questa argilla dopo cottura ha un corpo compatto (vetrificato impermeabile). Le caratteristiche principali sono la resistenza agli acidi, al gelo e al graffio.
  • La PORCELLANA è un’argilla bianca, caratterizzata da un impasto di poche materie prime dove il feldspato e caolino sono in grandi percentuali. Si divide in due gruppi tenera e dura, la prima vetrifica a 1220° (max temp.1260) raggiungendo la translucidità (simile al vetro opaco satinato), la seconda (dura) può arrivare 1400°C. Questa argilla dopo cottura ha un corpo compatto (vetrificato impermeabile). Le caratteristiche principali sono la resistenza agli acidi, al gelo e al graffio e la porcellana tenera è translucida

Poiché le argille porose assorbono liquidi, il manufatto richiede un rivestimento in funzione impermeabilizzante. Sin dall’antichità, si ebbero rivestimenti e “coperte” vitree; una vernice composta di sabbie silicee e ossido di piombo (vetrina piombifera), o un composto di piombo accordato con lo stagno (smalto stannifero), o con un velo di terra bianca (ingobbio). Oggi si usano prodotti già pronti industriali come smalti, cristalline etc a bassa temperatura (900°C – 1000°C) che garantiscono un rivestimento impermeabile.

Le tecniche che si possono applicare su tutte le argille sono moltissime, divise in molti gruppi. Quelle che più appartengono al nostro territorio italiano ( in questo caso Deruta) sono:

Tecnica Etrusca: Bucchero
Tecnica Etrusco/Greca: Terra Sigillata
Tecnica Romana: Terracotta semplice e Terracotta Invetriata
Tecnica Medioevale: Terracotta Ingobbiata
Tecnica Medioevale/Rinascimentale: Terracotta Smaltata, Maiolica
Tecnica Medioevale/rinascimentale Terracotta Smaltata, maiolica a lustro

(Terracotta: argille porose che hanno subito la prima cottura, dopo la prima cottura le argille cotte vengono chiamate anche biscotto).



Tutti i testi qui riportati sono a cura di Giulio Busti e Franco Cocchi tratti dal CD Multimediale del Museo di Deruta

News

  • Xie-Wei Artista Cinese
    Xie Wei

    L’artista cinese Xie Wei, sulla latitudine dello spostamento 中国艺术家解危,置换的维度   Xie Wei, di Shenyang, provincia di Liaoning, si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Luxun nel 1985. Nel 2003, ha studiato nella classe di specializzazione in pittura murale su
  • lane alla biennale di venezia architettura
    17 Biennale di Venezia Architettura

    17° Biennale di Venezia Architettura 2021     LA VITA SOSPESA E L’ISOLAMENTO DELLA PANDEMIA, HANNO AMPLIFICATO LA LOTTA PERSONALE DELL’INDIVIDUO, PIU’ SOLO SULLA PROPRIA STRADA. IL FUTURO RISVEGLIO E’ DINAMICITA’, LA FIGURA FEMMINILE E’ LA VITA, IL COLORE E
  • nicola boccini light art
    Biennale di Light Art Mantova 2020

    BIENNALE DI LIGHT ART MANTOVA 2020       BIENNALE LIGHT ART MANTOVA 2020 Elogio della luce tra destrutturazione e ricostruzione degli spazi Curatore generale Vittorio Erlindo   26 settembre – 31 dicembre 2020 Casa di Andrea Mantegna Esterni del

  • Mud is Mood

    MILANO DESIGN WEEK 2019 – DIGITAL DETOX DESIGN 7/14 APRILE 2019, STUDIO CORREA GRANADOS ARCHITECTS, VIA SOLFERINO 11 In occasione della Milano Design Week 2019 Mud is Mood partecipa a “Living Experience” un evento per depurarsi dal sovraccarico informativo, organizzato

  • Bottiglia in Ceramica 2018

    Il Barley Wine vintage 2018 è arrivato! Un progetto a cui teniamo molto e che, anno dopo anno, veste la nostra birra da invecchiamento (affinata nelle botti del vino di Torgiano) con una straordinaria bottiglia di ceramica artistica di Deruta.