Mentre una ricca documentazione d’archivio ha consentito di identificare alcune delle principali famiglie di vasai dell’epoca (Masci, Mancini, Del Bianco, Bencioli, Mattioli, Lelli, Francioli e Santucci) numerosi frammenti e scarti di fornace, recentemente ritrovati a Deruta in alcune zone già in passato individuate da Alpinolo Magnini come siti di antiche fornaci, hanno permesso di conoscere la produzione del Quattrocento. L’approfondito esame delle decorazioni e delle forme di questi ritrovamenti hanno, infatti, fatto attribuire a Deruta tipologie e opere altrimenti credute originarie di altri centri. E’ il caso, ad esempio, degli albarelli e dei vasi con manici “a torciglione” o “a cresta”, mai in precedenza attribuiti a Deruta nonostante recassero, sovente, la raffigurazione di stemmi di famiglie nobili umbre, come i Baglioni che a Deruta avevano diversi possedimenti e perfino una fornace.
Più in generale si è potuto delineare a Deruta l’esistenza di una consistente produzione in stile “tardo-gotico” che, rispetto alla rigidità delle forme e alla stereotipia delle decorazioni del passato, si caratterizza per la ricchezza delle varianti formali e soprattutto iconografiche cui contribuisce, non secondariamente, la acquisizione di nuovi colori, l’arancio, il giallo e il blu, che si aggiungono alla tavolozza, limitata al verde e al bruno, della “maiolica arcaica”. Anche le forme, perlopiù realizzate al tornio, conoscono in questo periodo una progressiva trasformazione: i primitivi catini si evolvono in piatti con fondo concavo e tesa stretta e sempre più perdono la funzione d’uso per assumere quella decorativa, come nel caso dei piatti “da pompa” ad uso celebrativo e dedicatorio, ma anche gli oggetti, come tazze e coppe, più vincolati a funzioni utilitarie assumono forme più aperte e arrotondate.
Alla trasformazione delle forme corrisponde una complicazione dei motivi ornamentali che vengono per lo più organizzati secondo uno schema formale cui a lungo i pittori derutesi rimarranno fedeli e che vede distribuire la decorazione ripartendola tra un medaglione centrale e una serie di fasce concentriche parallele che lo attorniano. Anzi, la trasformazione delle forme pare assolvere proprio alla necessità di facilitare il compito del pittore ponendogli a disposizione maggiori superfici piane da destinare alle raffigurazioni, piuttosto che alle cornici. E’ così che i piatti “da pompa” riescono accogliere soggetti allegorici, amorosi, scene guerresche e di caccia, stemmi ed altri simboli araldici, spesso raffigurati all’interno di uno spazio riservato.

Le decorazioni di contorno più frequenti com­prendono invece motivi “a fiamme e raggiera”, “a foglia accartocciata”, “a foglia appuntita”, spesso incorniciate da girali e spirali tracciate “a sgraffio” su fondo manganese.


Tutti i testi quì riportati sono a cura di Giulio Busti e Franco Cocchi tratti dal CD Multimediale del Museo di Deruta

News


  • Bottiglia in Ceramica 2018

    Il Barley Wine vintage 2018 è arrivato! Un progetto a cui teniamo molto e che, anno dopo anno, veste la nostra birra da invecchiamento (affinata nelle botti del vino di Torgiano) con una straordinaria bottiglia di ceramica artistica di Deruta.

  • Il Giudizio Universale

    Il GIUDIZIO UNIVERSALE    CERAMICA MULTIMEDIALE ED INTERATTIVA Il 2 dicembre 2017 alle ore 18, presso il National Museum di Danzica, dipartimento di Arte Antica, Polonia, verrà presentato in anteprima internazionale, il Giudizio Universale dell’artista derutese Nicola Boccini, un’opera d’arte in ceramica

  • Versando Torgiano

    Quando la ceramica incontra i prodotti della Terra. Il Comune di Torgiano strategicamente posto alla confluenza del fiume Chiascio e del Tevere è sin dall’antichità un territorio votato sia alla ceramica che all’agricoltura. Grazie ad un terreno argilloso e alla

  • Evolution 16.9 a Tecnargilla 2016

    Il MIC in mostra a Tecnargilla 2016 Dal 26 a 30 settembre saranno in esposizione a Rimini diverse opere della collezione del Premio Faenza che raccontano 30 anni di storia della ceramica d’arte Tecnargilla, la più importante fiera al mondo

  • Opera in Maiolica per Ambasciata USA a Roma.

    Notizie dalla Provincia di Perugia Perugia, 5 luglio ‘16 Deruta – Dalla Scuola d’Arte Ceramica Ranieri una maiolica per l’ambasciatore americano L’opera realizzata da Nicola Boccini per Villa Taverna. Il 6 luglio l’inaugurazione a Roma Deruta, 5 luglio ’16 –