Mentre una ricca documentazione d’archivio ha consentito di identificare alcune delle principali famiglie di vasai dell’epoca (Masci, Mancini, Del Bianco, Bencioli, Mattioli, Lelli, Francioli e Santucci) numerosi frammenti e scarti di fornace, recentemente ritrovati a Deruta in alcune zone già in passato individuate da Alpinolo Magnini come siti di antiche fornaci, hanno permesso di conoscere la produzione del Quattrocento. L’approfondito esame delle decorazioni e delle forme di questi ritrovamenti hanno, infatti, fatto attribuire a Deruta tipologie e opere altrimenti credute originarie di altri centri. E’ il caso, ad esempio, degli albarelli e dei vasi con manici “a torciglione” o “a cresta”, mai in precedenza attribuiti a Deruta nonostante recassero, sovente, la raffigurazione di stemmi di famiglie nobili umbre, come i Baglioni che a Deruta avevano diversi possedimenti e perfino una fornace.
Più in generale si è potuto delineare a Deruta l’esistenza di una consistente produzione in stile “tardo-gotico” che, rispetto alla rigidità delle forme e alla stereotipia delle decorazioni del passato, si caratterizza per la ricchezza delle varianti formali e soprattutto iconografiche cui contribuisce, non secondariamente, la acquisizione di nuovi colori, l’arancio, il giallo e il blu, che si aggiungono alla tavolozza, limitata al verde e al bruno, della “maiolica arcaica”. Anche le forme, perlopiù realizzate al tornio, conoscono in questo periodo una progressiva trasformazione: i primitivi catini si evolvono in piatti con fondo concavo e tesa stretta e sempre più perdono la funzione d’uso per assumere quella decorativa, come nel caso dei piatti “da pompa” ad uso celebrativo e dedicatorio, ma anche gli oggetti, come tazze e coppe, più vincolati a funzioni utilitarie assumono forme più aperte e arrotondate.
Alla trasformazione delle forme corrisponde una complicazione dei motivi ornamentali che vengono per lo più organizzati secondo uno schema formale cui a lungo i pittori derutesi rimarranno fedeli e che vede distribuire la decorazione ripartendola tra un medaglione centrale e una serie di fasce concentriche parallele che lo attorniano. Anzi, la trasformazione delle forme pare assolvere proprio alla necessità di facilitare il compito del pittore ponendogli a disposizione maggiori superfici piane da destinare alle raffigurazioni, piuttosto che alle cornici. E’ così che i piatti “da pompa” riescono accogliere soggetti allegorici, amorosi, scene guerresche e di caccia, stemmi ed altri simboli araldici, spesso raffigurati all’interno di uno spazio riservato.

Le decorazioni di contorno più frequenti com­prendono invece motivi “a fiamme e raggiera”, “a foglia accartocciata”, “a foglia appuntita”, spesso incorniciate da girali e spirali tracciate “a sgraffio” su fondo manganese.


Tutti i testi quì riportati sono a cura di Giulio Busti e Franco Cocchi tratti dal CD Multimediale del Museo di Deruta

News

  • Xie-Wei Artista Cinese
    Xie Wei

    L’artista cinese Xie Wei, sulla latitudine dello spostamento 中国艺术家解危,置换的维度   Xie Wei, di Shenyang, provincia di Liaoning, si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Luxun nel 1985. Nel 2003, ha studiato nella classe di specializzazione in pittura murale su
  • lane alla biennale di venezia architettura
    17 Biennale di Venezia Architettura

    17° Biennale di Venezia Architettura 2021     LA VITA SOSPESA E L’ISOLAMENTO DELLA PANDEMIA, HANNO AMPLIFICATO LA LOTTA PERSONALE DELL’INDIVIDUO, PIU’ SOLO SULLA PROPRIA STRADA. IL FUTURO RISVEGLIO E’ DINAMICITA’, LA FIGURA FEMMINILE E’ LA VITA, IL COLORE E
  • nicola boccini light art
    Biennale di Light Art Mantova 2020

    BIENNALE DI LIGHT ART MANTOVA 2020       BIENNALE LIGHT ART MANTOVA 2020 Elogio della luce tra destrutturazione e ricostruzione degli spazi Curatore generale Vittorio Erlindo   26 settembre – 31 dicembre 2020 Casa di Andrea Mantegna Esterni del

  • Mud is Mood

    MILANO DESIGN WEEK 2019 – DIGITAL DETOX DESIGN 7/14 APRILE 2019, STUDIO CORREA GRANADOS ARCHITECTS, VIA SOLFERINO 11 In occasione della Milano Design Week 2019 Mud is Mood partecipa a “Living Experience” un evento per depurarsi dal sovraccarico informativo, organizzato

  • Bottiglia in Ceramica 2018

    Il Barley Wine vintage 2018 è arrivato! Un progetto a cui teniamo molto e che, anno dopo anno, veste la nostra birra da invecchiamento (affinata nelle botti del vino di Torgiano) con una straordinaria bottiglia di ceramica artistica di Deruta.