La foggiatura al tornio, utilizzata per la creazione di manufatti di forma circolare, si avvale della rotazione della piastra rotante, sulla quale viene posta la palla di argilla, e dell’abilità del torniante che, con il solo aiuto delle mani, riesce a plasmare la materia, conferendogli la forma desiderata.
La foggiatura a colombino o lucignolo è utile per realizzare manufatti di qualsivoglia forma. La tecnica consiste nel costruire l’oggetto sovrapponendo dei bigoli di argilla a spirale, l’uno sull’altro, a salire.
La foggiatura a lastra consiste nell’utilizzo di lastre d’argilla, di spessore omogeneo, preparate stendendo l’argilla stessa con un matterello oppure tagliandole da un unico blocco, grazie all’aiuto di un filo. Le lastre così ottenute vengono poi ritagliate a piacimento e unite tra loro, tramite l’ausilio di barbottina, per creare oggetti tridimensionali.